I pericoli di Badoo

badoo pericoliDi social network oramai ce ne sono migliaia e migliaia e pare ne nascano di nuovi ogni giorno. Eppure Badoo sembra essersi riuscito a differenziarsi dagli altri e a ritagliarsi un bacino di utenza e funzionalità specifiche tutte sue. Sulla falsa riga del suo successo stanno nascendo sempre più siti che provano ad ampliarne funzioni e scopi ma devo dire che fino ad ora a parte Twoo praticamente nessuno ha raggiunto un simile risultato.

Badoo resta, almeno in europa, un universo a se stante usato dai giovani per fare conoscenze rapide e ottenere del facile sesso occasionale. Clicca qui per trovare altre informazioni su questo social network.

Basta infatti dare un occhiata al tipo di utenti che sono iscritti su badoo per capire subito quello a cui mi stò riferendo. Da una rapida osservazione pare piuttosto evidente che sul social network in questione troviamo ragazze facili, ragazzini e uomini (anche vecchiacci) ingrifati e trans. Una marea sconfinata di trans oltre che numerosi gay (e si sa che le abitudini sessuali di queste ultime due categorie sono tutt’altro che tradizionali).

Di recente è stato anche fatto un servizio delle iene proprio su questo tema. Nel servizio si spiegava come i giovani di oggi utilizzino questo social network per ottenere del sesso veloce.

Io credo che questo sia un fenomeno abbastanza preoccupante anche perchè i ragazzi coinvolti sono spesso minorenni e di maniaci ce ne sono fin troppi in giro. Inoltre pare che molti di questi ragazzi non facciano uso delle dovute precauzioni e siano dunque seriamente a rischio.

I genitori dovrebbero quindi stare molto più attenti e non lasciare i propri figli ore e ore sul pc magari su siti all’apparenza innocui come Badoo che invece di innocuo hanno ben poco!

E’ recente la storia di un ragazzo truffato e rapinato da due ragazzine (di buona famiglia) che l’avevano agganciato proprio su badoo e gli avevano promesso del sesso facile.

Dopo aver detto questo credo che stia a noi fare attenzione ed evitare di incorrere in qualche trappola. Purtroppo i rischi sono molteplici e spesso, difficilmente preventivabili. Quindi ancora una volta ripeto: attenzione, attenzione e attenzione!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>